Nuraghe di Seruci

Continua la rubrica sui nostri consigli di viaggio per una vacanza in Sardegna. Oggi andiamo a scoprire il Nuraghe Seruci.

Sul culmine di una collinetta che domina le campagne di Gonnesa e la costa di Portoscuso si erge il maestoso complesso nuragico di Seruci. Il sito archeologico è distribuito su 6 ettari di terreno ed è composto da un nuraghe complesso (forse pentalobato), un antemurale, un villaggio di oltre un centinaio di capanne e almeno una tomba di giganti.

Ecco un video che consente di apprezzare l’importanza e la bellezza di questo sito archeologico:

 

Riaperto al pubblico nel 2018 il complesso nuragico è fruibile per le visite ed è diventato lo scenario di alcuni eventi speciali, come i suggestivi concerti di artisti nazionali e internazionali e la celebrazione di matrimoni.

Seruci dista circa 30 km (30 minuti d’auto) dall’agriturismo Sirimagus ed è una meta ideale per una gita di mezza giornata alla scoperta del territorio Iglesiente, in quanto consentirà di apprezzare il paesaggio con brevi soste nei punti più panoramici. Nelle sue vicinanze potrai, infatti, ammirare i bellissimi alberi modellati dal forte vento di maestrale, la vista mozzafiato sul Golfo del Leone (deviazione verso Porto Paglia) e l’alta scogliera sul mare lungo la strada che porta alla cittadina di Portoscuso.

 

 

Se hai a disposizione tutto il giorno ti consiglio di trascorrere del tempo al mare nella vicina e bellissima spiaggia di Porto Paglia o di visitare Iglesias, uno dei due maggiori centri abitati del Sulcis Iglesiente, che ti accoglierà con il suo bel centro storico, il castello di epoca medievale e le sue tante chiese.

Per informazioni sugli orari di apertura puoi contattare Visit Gonnesa sul loro profilo Facebook  https://m.facebook.com/visitgonnesa/

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>